RUGBY ZEBRE FORSE ARRIVA DONDI

RUGBY ZEBRE FORSE ARRIVA DONDI

RUGBY ITALIANO SEMPRE PIÚ ALLA DERIVA


di Umberto Nalio
Foto di Rugby Zebre


Le invenzioni tattico-tecniche di Brendan Venter, allenatore della difesa azzurra, ci hanno regalato un pomeriggio di mezza serenità.

Inglesi disorientati e tante speranze azzurre che sono poi naufragate con il fischio di chiusura.

Ultimo posto, nel VI Nazioni, a zero punti che ci riporta alla cruda realtà. Il tentativo, peraltro inutile, di mettere in difficoltà il XV della rosa, non ha trovato eco nelle vicende italiane della Celtic, dove le due franchigie che ci rappresentano sono rispettivamente ultima e penultima.

Le seconde scelte di Treviso e Zebre hanno ancora una volta dimostrato di essere molto più deboli delle pari forze delle altre formazioni del Pro 12.

Una simile disastrosa situazione ci permette di pensare ad un possibile collegamento con la decisione di rinviare, senza logica motivazione, l’assemblea dei soci delle Zebre, in programma il 24 febbraio e spostata al 4 marzo.

Logico chiedersi il perché del rinvio. Ed ecco le solite voci ben informate fornire motivazioni, non confermate, ma fortemente logiche.

Il rinvia pare sia stato deciso per non turbare i corridoi della Nazionale, dopo la disastrosa prestazione con l’Irlanda e alla vigilia di un delicatissimo match con l’Inghilterra che sulla carta si preannunciava ancor più pericoloso.

Perché c’era il rischio di creare problemi al XV azzurro? Nel corso dell’assemblea si sarebbero dovuti mostrare i numeri, che sembra parlino di una perdita mensile pari a 90.000€. Questo per quanto riguarda l’aspetto economico.

Sul piano tecnico sarebbe stato altrettanto imbarazzante giustificare la presenza di giocatori stranieri, almeno dieci, con contratti principeschi, però costantemente fuori formazione.

Alle porte sembra profilarsi il ritorno del ”Grande Vecchio”, ovviamente detto con affetto, alias Giancarlo Dondi.

Il ritorno dell’ex presidente potrebbe portare ad una gestione d’esercizio provvisoria, ma con entrata di uno sponsor di peso, ovviamente economico.

Nessuna conferma ma corre il nome di un colosso del settore pneumatici (Pirelli? Michelin? Franco Gomme? ndr).

Un simile passo ridarebbe tranquillità all’ambiente e forse potrebbe ripartire il progetto con un numero maggiore di giocatori italiani, sicuri che non farebbero certo peggio di quanto è stato fatto fino ad oggi.

Questi sono i numeri delle Zebre: 14 partite giocate, due da recuperare, 1 vittoria e 13 sconfitte, 189 punti segnati a fronte di 492 subiti. Ultimo posto in classifica con 9 punti. Fare peggio penso sia veramente difficile.


6 NAZIONI 2017 EVOLUZIONE CONTINUA di Maurizio Maione

6 NAZIONI 2017 UN ROMANO A LONDRA  di Maurizio Maione

6 NAZIONI 2017 INGHILTERRA ITALIA di Umberto Nalio


RUGBY ZEBRE FORSE ARRIVA DONDI