Rugby Rovigo Petrarca Dicembre 2017

Rugby Rovigo Petrarca Dicembre 2017

Who’s Next – Petrarca,
161 Derby d’Italia.

Rugby Rovigo Petrarca Dicembre 2017.


di Maurizio Maione.
Foto di Stefano Teneggi.


Petrarca – Viadana del 2 dicembre 2017.
Ottava giornata di Eccellenza.

Quando Petrarca affonda sa far male. Lo fa spesso usando la touche come piattaforma di attacco. Poi nel gioco alla mano due sono le esecuzioni che risultano più efficaci per avere la meglio della difesa di Viadana che ad inizio di partita appare un po’ lenta: una capacità di tenere vivo il pallone sui punti di incontro con pick and go e off load veloci che tengono sempre alta la pressione e un “cambio di passo” per inserire la linea dei tre quarti nell’azione offensiva.

Per i primi 20 minuti la palla si muove viva da una parte all’altra del campo coinvolgendo sia la mischia che il reparto “leggero” che, infatti, gioca un discreto numero di palloni cercando o la verticalizzazione dei centri o la superiorità all’ala.

Per fortuna del Viadana un calciatore non in giornata (un Fadalti che invece nel gioco aperto da un grosso contributo) e una mischia meno forte del solito fanno si che il bottino dei punti sia meno consistente rispetto al gioco sviluppato. Viadana, in effetti, appare meglio organizzato nel gioco ordinato ma è quasi sempre Petrarca che riesce ad accelerare il gioco e a creare situazioni di pericolo.

Nei 15 minuti fra la fine della prime frazione e l’inizio della ripresa Viadana fa tutto ciò che serve per portarsi sopra ai padroni di casa con due mete (trasformate) e due calci. Oltre ad un certo appannamento dei padroni di casa una grossa parte del merito va a Viadana che è riuscita ad alzare la pressione e a complicare un po’ la vita dei tutti neri.

Il sorpasso degli ospiti riaccende il Petrarca che si ricorda di giocarsi uno scontro diretto in chiave play off e allora piazza subito una meta (l’unica trasformata dei padroni di casa). Con 30 minuti ancora da giocare il punteggio si ferma su quello che sarà il risultato finale 22 a 20. Il resto della partita, anche se senza marcature, è gradevole, combattuto e vede tutto sommato i petrarchini meritare la vittoria. Quelli di Padova con la palla in mano hanno dato prova di saper inventare meglio della squadra di Frati soluzioni in grado di accelerare il ritmo e la conquista territoriale.

Certo qualche dubbio sulla capacità di mantenere la concentrazione resta, visto quel che è successo in campo.


Cosa è piaciuto?

La capacità di verticalizzazione con linee di inserimento dei tre quarti giocate a memoria che quando entrano sanno fare danno.

L’uomo in più?

Fadalti fin quando ha giocato si trovava ovunque e Vannozzi due mete in una partita per un pilone sono tante (e infatti è stato anche nominato man of the match).

L’uomo in meno?

L’uomo in meno, la mischia ordinata apparsa più sbiadita del recente passato. In recupero nella seconda metà del secondo tempo quando con due punti da difendere ogni cm perso o fallo concesso possono costare la partita.


Rugby Rovigo Petrarca Dicembre 2017.


Continental Shield Calvisano Rugby Rovigo 2017 di Umberto Nalio,

Continental Shield Calvisano vs Rovigo Rugby English version di Silvia Malanchin.


SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU INSTAGRAM