Rugby Badia Cotechini 2 2019

Rugby Badia Cotechini 2 2019

Non solo cotechini e bondole alla Rugby Badia

Una rimpatriata per ricordare i tre campionati con Massimo Brunello Allenatore.

Rugby Badia Cotechini 2 2019.


di Paolo Aguzzoni.


Venerdì sera 25 gennaio alla rugby house di Badia Polesine è andato in scena il tradizionale “rito del cotechino”.

Però stavolta ha avuto un significato diverso dal solito.
Normalmente serve per rafforzare la forza del gruppo in vista della ripresa del campionato dopo la sosta natalizia e spesso il “rito del cotechino” ha portato segnali positivi perché la domenica successiva la prima squadra conquistava la vittoria anche col pronostico negativo.

Ma in questo 2019 ha avuto una storia diversa perché oltre alla prima squadra c’erano molti dei giocatori che per tre campionati fra il 2004 e il 2007 sono stati guidati da Massimo Brunello alla sua prima esperienza come allenatore di una formazione senior.

E’ stata una bella rimpatriata dove i ricordi e gli aneddoti hanno alimentato, ben accompagnati da cotechini e bondole, un fiume in piena.
E’ stata una festa dalla quale certamente i giovani giocatori della prima squadra di Alessandro Lodi, ex giocatore di Brunello nel triennio citato, hanno potuto trarre esempi di come si può fare gruppo e nel contempo col passare degli anni restare legati alla maglia biancazzurra.


Rugby Badia Cotechini 2 2019


Per chi, come il sottoscritto, che, fra le tante, ha raccontato anche le gesta del triennio di Brunello, l’avvenimento ha regalato emozioni attraverso i tanti momenti che emergevano dai ricordi dei protagonisti di allora.

Se puntiamo il faro su Massimo Brunello occorre dire che per lui il “rito del cotechino” 2019 ha avuto significati importanti soprattutto dal punto di vista emotivo.

Perché dire che qui a Badia ha lasciato il suo cuore con giocatori che oltre ai valori tecnici e la grande volontà hanno portato in campo anche il loro cuore, disegna una rara unità d’intenti che dà al “comandante” Brunello il senso di un successo pieno nella sua prima indimenticabile esperienza alla guida di una senior.

Lo ha detto chiaramente Brunello, visibilmente emozionato, nel suo intervento finale davanti ai tanti ex giocatori, che l’esperienza badiese non la dimenticherà mai e di questo ne siamo certi. Rimaneva aperta l’unica questione: il “rito del cotechino” avrebbe portato bene a Brunello impegnato il giorno dopo col suo Calvisano sul terreno del Verona? Ebbene sì Brunello ha vinto (33-20) e quindi siamo certi che il prossimo anno sarà ancora a Badia per una nuova puntata del “rito del cotechino”.


Rugby Badia Cotechini 2 2019


Rugby Badia Cotechini 2019

SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU INSTAGRAM