Cristian Moro Rugby

Atleti: Cristian Moro Rugby

CRISTIAN MORO RUGBY: IL PICCOLO GRANDE RUGBYSTA


di Angelino Masin


“ Sono nato il 17 12 1994 a Rovigo, ma abito da tempo, in quella lingua di strada che, dalla Statale, porta alla chiesa di Solesino, pur restando, la mia residenza, in Comune di Stanghella.

Sono alto 1,61 e peso 84 kg ed amo giocare in mischia, flanker.”

Puntualizzi, dove abiti, per evidenziare la maggiore distanza da dove ti alleni ? il maggiore sacrificio ?

“ Tutt’altro.

Significavo che, ciò nonostante, mi ha sempre attratto giocare verso Sud, che Nord…

Infatti il mio percorso rugbystico comincia a sei anni a Stanghella dove ho giocato fino all’Under 13, poi sono venuto al Rovigo..,
non al Monselice o al Petrarca ( ride ndr ), fino all’Under 20.

Quindi a Badia con Pedrazzi, l’anno della promozione in A. In rispetto allo sperimentale ‘ Progetto Basso Veneto ‘, venni girato a Villadose, dove rimasi due anni.

Per questioni personali, decisi di cambiare aria.
Ho giocato, l’anno scorso, a Rovigo, in C2, con la cadetta, che ha stravinto l’ultimo campionato triveneto senza perdere una partita.

Ma a Villadose mi ero fatto degli amici, si era creato un gruppo del quale, se non era nostalgia, sentivo, comunque, la mancanza.. negli allenamenti, nel terzo tempo delle gare, nei venerdì e domenica sera…

Così ho chiesto di tornare ed eccoci qua “.

Sembra usanza, in questa squadra, chiamarvi per soprannome. Il tuo, ‘ Ritchie’, è abbastanza evocativo ed impegnativo.

Richiama una passione chitarristica per Blackmore dei Deep Purple?
Passione tanto caro a tuo ex compagno di reparto Enrico Nordio… che non vedo da un pezzo, dov’è finito?

“ Il chitarrista è Nordio. Quindi, quel Ritchie lì, riferito a me, è proprio Mc Caw il leggendario capitano degli All Blacks.. Mi chiamò così in una partita della Monti Under 20, Lello Capitozzo, che mi allenava, quell’anno, assieme a Maurizio Bordin.

Dagli oggi, dagli domani, quel nickname lo hanno cominciato ad usare anche i compagni ed alla lunga è rimasto.
Ti confesso che divento ancora rosso, quando mi chiamano…

Di natura sono un po’ timido e quindi, figurati, quando si gioca fuori casa, ‘Ritchie !, Ritchie !’, cosa penseranno gli avversari, nel momento in cui capiscono che si stanno riferendo proprio a me, mt 1,61 di altezza !..

Circa Enrico ( Nordio ndr ) è fermo per intervento al ginocchio. Ma tornerà a giocare a Rovigo, in cadetta, per quest’anno “.

Ricordo che dopo una partita con la Bassa Bresciana, serie B di tre anni fa, venni a stringerti la mano e dissi che la Natura, o Dio se preferisci, ti aveva fatto un grande scherzo, a non darti qualche centimetro in più.. Dopo, però, ho pensato che Saint Gilbert volesse mostrarti ad esempio: cioè che a Rugby si può giocare molto bene, ed in mischia per di più, anche essendo minuti rispetto alla media. Tu, Ritchie, in campo ti fai sempre ammirare. Difficile darti un voto negativo…

Ha avuto parole simili, alcuni giorni fa, il Diesse Barion quando l’ho intervistato..
‘Cristian Moro ? un vero esempio di rugbyplayer’ mi ha detto.

“ Mi imbarazzi.. Io ci metto il cuore a giocare, come farei, faccio e farò con la donna che amo.
Per me è il più bello sport che ci sia.

Ormai, fa parte di me ed a Villadose è come fossi a casa.
Circa la mia altezza, ormai sono quindici anni che ci gioco assieme e, nella battaglia a terra, non mi ha mai abbandonato.

Dove c’è erba arrivo prima io.. ( mi guarda con aria di sfida ndr ) “.

Intendi che ci sono i suoi pro e che a volgerle in un certo modo tutte le situazioni hanno lati positivi ?
E’ proprio una caratteristica del Sagittario, il tuo segno..

“ Non me ne intendo di astrologia, ma non ho mai vissuto i centimetri come una mancanza..
Talora sapessi come mi diverte mettere a terra qualcuno più grosso di me..

Spesso è questione di tecnica, non solo di forza… pensa al Judo…
E sui cinque metri me la vedo con tutti; in rapidità, cioè.
Cosi come nell’impegno, nella dedizione, nella testa “.

Dopo un anno distante, come hai trovato il Villadose, nel frattempo retrocesso, tra l’altro…

“ Non cercavo e non cerco una squadra da risultati, in primis… Mi interessa l’ambiente, il contorno, la compagnia..
Cose che ho ritrovato tutte. Sono soddisfatto fin qui e molto. Mi diverto, mi piace.

Certo, lo ammetto, godo quando vinco e, finora, facendo un bilancio obiettivo credo che solo il Feltre può darci paga. La loro linea veloce è veramente tosta. Hanno capito come metterci in difficoltà. Battere loro, se ce la faremo al ritorno, avrà un gusto particolare. Anch’io come i miei compagni, lo reputo il quindici migliore del girone.

Bassano, che ci ha pure battuto, non ha la stessa mediana. Il Belluno ha più grinta di queste due, ma, secondo me, un po’ di qualità in meno. Almeno così mi è parso.

Dipenderà tutto da noi. Il girone di ritorno prevede che loro verranno tutte e tre a giocare a casa nostra.
Secondo me, poi, ci siamo rafforzati. Qualche nuovo innesto si sta mostrando molto efficace “.

Con lo studio come va ? sul tuo profilo vedo te con un alloro in testa…

“ Mi sono laureato in Ingegneria elettrica e adesso mi sono iscritto per i due anni di Magistero. C’è da studiare, ma non temo l’impegno.

E’ una mia fortunata caratteristica, devo dire. Cosa dici ? Speedy pizza ? Anche quello, sai ! Sì, consegno le pizze col motorino a Solesino, quando posso.. Molti di noi devono fare coesistere un impegno extra sportivo col rugby.. Ma cosa non si farebbe per amore “ ?


Atleti: Cristian Moro Rugby


I Risultati Rugby Polesine 28 29 ottobre 2017 di Alex Olivieri

Il Postpartita Rugby Villadose Belluno 2017 di Angelino Masin


SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU INSTAGRAM