SERIE A – BADIA, SI RISALE LA CLASSIFICA

logo-badia

La bella vittoria  (28-27) di sabato sera nell’anticipo con l’Udine FVG, ha portato tanto entusiasmo nel XV di Lodi e Golfetti: vincere per un solo punto di distacco al 10’ di recupero è qualcosa che va portato a memoria per tanto tempo. Fare 12 punti dal 40’ al 50’ e ribaltare il risultato che li vedeva sotto di 11 significa che la squadra ha carattere e tenuta atletica.

Ne parliamo con Alessandro Lodi ricordando che Badia ha lasciato l’ultimo posto in classifica dove sono rimasti i Rangers Vicenza e domenica a Badia arriva il Tarvisium che con 6 punti è quarto e davanti ai Biancazzurri di sole due  lunghezze.
“Ci voleva proprio questa vittoria – esordisce Lodi – ed è stata una bella iniezione di fiducia. Quando ci siamo trovati sotto di 11 punti (era il 27’ della ripresa, ndr) invece di mollare abbiamo creduto nelle nostre possibilità e ci siamo così ripresi la partita”.

La mischia nel primo tempo è stata davvero superiore a quella di Udine, più equilibrata la situazione nella ripresa: siete migliorati o avete trovato la mischia friulana più debole di quella del Casale e del Valsugana?
“Contro Udine – spiega Lodi – gli uomini della mischia hanno lavorato tutti assieme, cosa che non era successa, per esempio, a Padova col Valsugana che è comunque la più forte di quelle sin qui incontrate”.

Si può dire che la prima vittoria stagionale ha confermato che il gruppo c’è?
“Il gruppo c’è – continua Lodi – e stavolta abbiamo avuto per la prima volta il giusto approccio alla partita. Sono stati commessi degli errori e su questo stiamo lavorando per creare nuova fiducia. Certo l’aver preso due mete negli ultimi minuti del primo tempo ci ha destabilizzati e la cosa è andata avanti anche a inizio ripresa, poi ci siamo ripresi”.

Qualche errore difensivo c’è stato nel contrastare Udine in occasione delle sue 3 mete?
“Non parlerei tanto di errori – dice Lodi – perché Udine fa molto gioco e lo dimostra il fatto che è la squadra che sin qui ha segnato più mete”.

I cambi apportati nella ripresa hanno dato energia e fantasia alla squadra e favorito certamente la rimonta: è d’accordo?
“Tutti i ragazzi che sono entrati nel secondo tempo – conclude Lodi – hanno fatto benissimo e sottolineo che negli ultimi 15’ avevo in campo 5 ragazzi di 17 anni. Penso che ciò abbia contribuito a creare un efficace  mix fra chi ha e esperienza e chi se la deve fare”.

Un’ultima annotazione: l’arbitro Fabio Taggi porta certamente bene al Badia visto che con quella di sabato era la sua terza direzione di gara con i biancazzurri in campo e al suo fischio finale sono arrivate tre vittorie. Petrarca Padova  (a Padova) e Grifoni (a Badia)  la scorsa stagione in B e stavolta contro Udine in A.

Paolo Aguzzoni