Rugby Rovigo Futuro Cadetta 2018 2019

Rugby Rovigo Futuro Cadetta 2018 2019

UN SUCCESSO INUTILE?

Rugby Rovigo Futuro Cadetta 2018 2019.


di Umberto Nalio.
In foto, la cadetta.

QUI LE FOTO DELLA CADETTA


La promozione della Cadetta avrà un seguito?

Dopo varie vicissitudini e una promozione mancata per ”disattenzioni” gestionali, ecco che la Cadetta rosso blu agguanta un terzo posto che le permette di fare il salto dalla C2 alla C1.

Un risultato ottenuto grazie ad un manipolo di ragazzotti seguiti da Graziano Ravanelli che si sono impegnati contro avversari più attrezzati.

Un inizio di stagione travagliato, con numeri che non consentivano rosei pensieri per il futuro e diverse partite affrontate con solo 16/17 giocatori a referto..

Invece con l’innesto di alcuni giocatori appartenenti alla rosa della prima squadra e qualche ex Under 18, Ravanelli è riuscito a condurre in porto la barca, ottenendo anche la promozione.

Un sincero bravo al tecnico e un applauso ai ragazzi.
Ma era questo lo scopo della partecipazione al campionato di serie C di una formazione rosso blu?

Iscrivere una seconda formazione ad un campionato minore, dovrebbe avere lo scopo di tenere in attività quei giocatori che risultano essere un esubero per la rosa della prima squadra;

oppure mantenere impegnati i giovani che, finito il percorso junior con la 18, rischierebbero di appendere le scarpe al chiodo.

Per non parlare poi egli infortunati del massimo campionato che potrebbero, al rientro, verificare le proprie condizioni giocando un turno in serie C.

Un percorso però che non dovrebbe fermarsi alla categoria più bassa, puntando fino alla serie A. In questo modo la seconda squadra sarebbe veramente un serbatoio per la prima; come già accade per altre società dell’Eccellenza.

Ma sembra evidente che fino ad ora l’esperienza seconda squadra è stata un fallimento, senza risultati e con danaro e tempo spesi inutilmente.

Ma negli ultimi anni a Rovigo sembra che sia sempre più difficile far funzionare la macchina del rugby senza che dietro l’angolo si presentino sempre problemi nuovi.

L’esclusione dal campionato dell’Under 18 sperimentale è stata una cosa a dir poco imbarazzante.

Fin dall’inizio stagione era evidente che non c’erano i numeri per poter presentare due squadre nella categoria. Ma la cieca cocciutaggine di alcuni ha fatto portare avanti il progetto, con dispendio inutile di risorse economiche ed umane.

Un danno anche per il Villadose Rugby che ha rinunciato al campionato Under 18, passando al Rovigo i giocatori che avrebbero potuto giocare a casa loro, rinforzati da tre o quattro elementi in esubero in via Alfieri.

Sembra di rivivere, ovviamente con le dovute proporzioni, le problematiche della Celtic. Campionato dove da anni l’Italia del rugby partecipa per formare giocatori per l’alto livello.
Con quali risultati?

Una serie incredibile di magre figure, con milioni di Euro gettati alle ortiche e il campionato nazionale, quindi la base del nostro rugby, sembra più debole e sempre più povero; per non parlare di una Nazionale che mette in fila un risultato negativo dopo l’altro.

Ma anche questo si continua dire che non è vero.


Rugby Rovigo Futuro Cadetta 2018 2019


 Rugby Mercato 2018 2019 Alejandro Canale


 SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU INSTAGRAM