Rugby Frassinelle protagonista

RUGBY FRASSINELLE PROTAGONISTA ANCHE NEL SOCIALE

 Comunicato stampa del Rugby Frassinelle


Rugby Frassinelle protagonista anche nel sociale con un contributo alla ricerca scientifica, con una donazione all’Istituto Oncologico Veneto di Padova.

Con il nuovo anno ormai alle porte, e una prima parte di stagione che ha dato ottimi risultati in ogni categoria e sotto ogni aspetto, è arrivato anche il momento di sottolineare le buone azioni.

I fatti risalgono alla sera del 28 Ottobre scorso, giorno in cui la società gialloblu ha organizzato una cena con un menu a base di pesce. Il soggetto scelto per descrivere la cena, sotto diversi aspetti, è stato “Una paella coi baffi”.

Di lì a poco infatti sarebbe iniziato Novembre, mese durante il quale è ormai tradizione consolidata da parte di molti, giocatori e non, farsi crescere i baffi per raccogliere fondi e diffondere consapevolezza sul carcinoma della prostata e altre patologie simili.

Questa iniziativa va sotto il nome di Movember, parola composta da Moustache (baffi) e November.

Rugby Frassinelle ha voluto dare il proprio contributo a questa iniziativa con questo evento conviviale, al successo del quale hanno contribuito tutto lo staff della società, giocatori compresi, e in particolare il cuoco Enrico Mantovani, originario di Frassinelle e attualmente nello staff del Danieli di Venezia, uno dei più esclusivi ristoranti italiani.

A dare il loro prezioso apporto anche tre ragazzi paraplegici di Verona, Gianni Todeschini, Massimo Varana e Valentino Dal Pozzo che si sono occupati della paella, il piatto forte della serata, sotto la supervisione dello chef Mantovani.


Rugby Frassinelle protagonista


Alla serata hanno partecipato circa 90 persone. La lotteria, durante la quale sono stati distribuiti premi di varia natura, da gadget e abbigliamento sportivo a vini e prodotti tipici, ha permesso di raccogliere 520 euro, che sono stati donati allo IOV di Padova, l’Istituto Oncologico Veneto, istituto all’avanguardia nella ricerca scientifica nell’ambito della lotta ai tumori.

Non è stata la prima e non sarà l’ultima iniziativa organizzata dalla società polesana, che oltre ad avere come obiettivo quello di formare piccoli atleti e giovani uomini, vuole anche fare tutto ciò che è nelle sue possibilità per consegnarli a un mondo migliore.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrEmail this to someone