Alex Olivieri saluta Umberto Nalio

Alex Olivieri saluta Umberto Nalio

CIAO CAPO!


Alex Olivieri saluta Umberto Nalio


Umberto carissimo, ma quanto odiavi essere chiamato Umbi?
e le persone non lo sapevano!

Stai lasciando il palcoscenico sotto dei riflettori di cui avresti volentieri fatto a meno, narciso un pochino lo eri, certamente non presenzialista. E invece oggi Ti tocca.

Oggi sarai al centro dei pensieri di molti. Tutti con la certezza che da oggi il mondo è un posto un poco meno interessante senza la Tua chiave di lettura di ciò che capitava. Te ne vai con quella che era la Tua fortuna ma anche la Tua croce, la memoria di fatti, di parole, di proclami, che inchiodano le persone alle proprie responsabilità.

Le nostre vite, quelle di chi è qui in questo blog a leggere queste parole, ma anche di chi Ti ha incrociato nella vita di tutti i giorni, sono connesse, e ci hai connesso Tu. Hai unito più mondi con la contaminazione che sapevi creare tra lavoro e sport, tra la conoscenza della classe medica e i bisogni degli atleti che si rivolgevano a Te.

Ci hai connesso con la forza delle parole, da quelle dette, a volte urlate, mai paurosamente sussurrate e la potenza del Tuo pensiero era ed è in ciò che hai scritto.

Ho letto molti aggettivi usati nel tentativo di far comprendere che tipo di persona fossi, qualcuno calzante, qualcun altro un po’ meno, ma tutti tesi a evidenziare quanto fossi burbero.
Io questa chiave di lettura non la condivido.

Investivi tempo e interesse solo su chi mostrava la voglia di conoscerTi, scrostando la patina superficiale che ricopre ognuno di noi. Grazie quindi per tutto il tempo trascorso insieme. Esco da questa esperienza arricchito e fortificato.

RicordaTi dei pennarelli che mi hai fatto comprare per lasciare un paio di segni colorati in ogni stadio che ci ospitava, era per pura goliardia ma io so che Ti sarebbe piaciuto se fosse diventata una tradizione per ogni tifoso rossoblù.

Hai visto come sono stato bravo? Non ho usato nemmeno una parola inglese, così da non irritarTi vista la Tua avversione per la perfida Albione.

Adesso Ti saluto, da domani ho nuove battaglie da combattere.
Una nota, ieri sera i Tuoi bersaglieri hanno vinto una partita anche per Te, o gliel’hai fatta vincere Tu soffiando sull’ultimo calcio?


Alex Olivieri saluta Umberto Nalio


Dal Battaglini il saluto per Umberto

Marco Martello saluta Umberto

Paolo Aguzzoni saluta Umberto


SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU INSTAGRAM